LOADING

Scrivi per cercare

Psoriasi

Dermatologia Clinica

Psoriasi

Condividi

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della cute, la cui prevalenza varia nelle diverse aree geografiche da 0,65% a 4,8%. La maggior parte dei casi insorge entro la terza decade di vita. Familiarità per psoriasi si osserva nel 20-30% dei casi.

 

Eziopatogenesi

La psoriasi è una malattia complessa e multifattoriale, che insorge in individui geneticamente predisposti. Sono noti fattori scatenanti o che conferiscono rischio alla malattia:

Farmaci (principali):

 

  • Litio
  • Interferone
  • Antimalarici di sintesi
  • Traumi cutanei
  • Stress emozionali

 

Fattori ambientali:

 

  • Infezioni da streptococco Beta-emolitico
  • Infezioni da virus varicella-zoster
  • Virus dell’immunodeficienza acquisita (HIV)

 

 

Stili di vita:

 

  • Indice di massa corporea
  • Consumo di alcolici
  • Fumo di sigaretta

La psoriasi ha una patogenesi immuno-mediata che si traduce in infiammazione cutanea ed eccessiva proliferazione dei cheratinociti epidermici.

 

Aspetti clinici

La maggior parte dei casi di psoriasi (> 80%) è caratterizzata dalla presenza di placche eritemato-squamose in genere distribuite in maniera simmetrica nelle sedi estensorie di gomiti, ginocchia, regione sacrale e cuoio capelluto e alle mani.

Quando le lesioni interessano le pieghe cutanee la componente ipercheratosico-desquamativa è minima o assente (psoriasi inversa). Circa il 50% dei pazienti con psoriasi ha lesioni ungueali. In una parte dei pazienti, la psoriasi può colpire anche le entesi e le articolazioni (artropatia psoriasica), può essere associata anche al Morbo di Crohn, obesità, diabete mellito, dislipidemia, ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari.

La gestione a lungo termine del paziente con psoriasi grave deve quindi tenere conto di queste problematiche da un punto di vista diagnostico che preventivo-curativo.

 

Terapie

Nel 70-80% dei casi la psoriasi è di grado lieve o moderato e si giova, pertanto, di una terapia esclusivamente topica. Nel rimanente 20-30% dei casi la malattia si presenta in forma diffusa e richiede trattamenti sistemici e topici associati.

La fototerapia risulta particolarmente efficace nel trattamenti di questa patologia, perché le radiazioni UV inibiscono la proliferazione dei cheratinociti epidermici, ed esercitano un’attività immunosoppressiva sul sistema immunitario cutaneo bloccando l’abnorme attivazione linfocitaria. Risulta utile anche una valutazione nutrizionale in quanto una dieta ricca di verdure sembra avere un ruolo protettivo nei confronti di questa malattia.

Dottor Claudio Comacchi

DOTTOR CLAUDIO COMACCHI DERMATOLOGO – TRICOLOGO – DERMOCHIRURGO Specialista in Dermatologia e Chirurgia Master in Scienze Tricologiche Mediche e Chirurgiche Master in Dermochirurgia. Amo il mio lavoro come medico e dermatologo. Considero ogni mio paziente un’individuo, una persona unica e speciale. Aiutare, migliorare e curare chi mi si presenta davanti è lo scopo della mia vita professionale. Sono nato a Firenze il 21 Aprile 1957. Mi sono laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Firenze il 12 di Aprile 1986. ho ottenuto il Diploma di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia, presso l’Università di Firenze, il 15 Luglio 1992. ho conseguito un Master in Scienze Tricologiche, Mediche e Chirurgiche, sempre presso l’Università di Firenze. sono iscritto nell’ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Firenze dal 10 Giugno 1986. Eseguo la mia professione come dermatologo e tricologo nel mio studio privato a Firenze in via Mannelli 177 e presso l’Ecomedica di Empoli. Questo è il mio curriculum vitae in breve. Per ulteriori informazione e contatti vedi sul mio sito ‘contatti’ e ‘curriculum’.

  • 1
Articolo precedente
Prossimo articolo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.